Home Page » Montemurlo comunica » Notizie dal Comune » Taglio dei pilastri e applicazione dispersori: il palazzo comunale di via Toscanini reso completamente antisismico

Taglio dei pilastri e applicazione dispersori: il palazzo comunale di via Toscanini reso completamente antisismico

Comune di Montemurlo
ven 11 nov, 2022

 

 

Nei giorni scorsi è stato completato l'innovativo intervento per la messa in sicurezza del palazzo comunale. Il sindaco Calamai:« Grande soddisfazione per essere uno dei pochi Comuni a livello nazionale ad aver applicato questa tecnologia ad un edificio esistente del patrimonio pubblico». Un convegno, promosso dal Comune con l' ordine degli ingegneri della provincia di Prato, mercoledì 16 novembre presenta i risultati dell'intervento e le tecnologie applicate

È stata completata nei giorni scorsi una delle fasi più delicate della messa in sicurezza sismica del palazzo comunale di via Toscanini: il taglio dei pilastri e l'applicazione dei dispersori. Si tratta dell'applicazione di una tecnologia ingegneristica innovativa ancora poco usata in Italia, soprattutto quando si tratta di edifici pubblici. Tra le fondazioni dell’edificio e ciascuno dei pilastri che reggono la struttura sono stati applicati dei dispersori sismici, una sorta di ammortizzatori, che, in caso di terremoto, smorzeranno il propagarsi delle onde sismiche ai livelli superiori del palazzo.

«È una grande soddisfazione essere uno dei pochi Comuni a livello nazionale ad aver applicato questa tecnologia ad un edificio esistente del patrimonio pubblico. - sottolinea il sindaco Simone Calamai – L'edificio di via Toscanini ospita servizi strategici in caso di calamità come l'anagrafe e gli uffici tecnici ed era importante mettere in sicurezza il palazzo per far funzionare al meglio la macchina della protezione civile»

Il sindaco Calamai, insieme ai responsabili dell'ufficio tecnico, ha voluto seguire in prima persona le fasi più delicate dell'operazione del taglio dei pilastri e dell'applicazione dei dissuasori, attraverso vari sopralluoghi sull'area di cantiere. Per fortuna non si sono registrati problemi e ora l'auspicio è di poter restituire quanto prima possibile l'edificio ai cittadini, dopo il trasferimento dei vari servizi nel palazzo di via Montalese e al centro giovani “ David Sassoli” di piazza Don Milani.

In Toscana, e più in generale in Italia, è uno dei primi interventi mai realizzati su un edificio esistente e sicuramente è il primo realizzato in provincia di Prato. Il lavoro di messa in sicurezza arriva in seguito alle indagini di prevenzione sismica effettuate dal Comune nel 2014 su scuole ed edifici pubblici, che hanno permesso di avere un quadro completo dello “stato di salute” del patrimonio edilizio pubblico.

Un risultato importante che sarà presentato, anche attraverso un sopralluogo nell'area di cantiere, nel corso di un seminario promosso dal Comune di Montemurlo con l'ordine degli ingegneri della provincia di Prato in programma mercoledì 16 novembre alle ore 9 al teatro della Sala Banti (piazza della Libertà - Montemurlo).

Nel corso del seminario saranno affrontati aspetti tecnici e teorici d'interesse professionale. Interverranno come relatori gli ingegneri Pierluigi Betti e Giacomo Martinelli, che hanno seguito direttamente il progetto. La partecipazione al seminario rilascerà crediti formativi per gli iscritti all'ordine. «Questo progetto è stato una doppia sfida. - spiega l'ingegnere Pierluigi Betti - Gli isolatori sismici sono ancora poco usati in Italia e solo su edifici nuovi. Applicare questo sistema su un palazzo esistente non è stato facile, perché occorre letteralmente tagliare l‘edificio con una sega a nastro diamantato come quelle che si usano nel settore del marmo. In questo modo è stato possibile applicare gli isolatori che risponderanno alle sollecitazioni in caso di terremoto. Nel corso del seminario avremo modo di andare a visitare l'area di cantiere e capire meglio come funziona questa tecnologia».

Infine, sul perimetro dell’edifico è stato realizzato uno scannafosso per consentire il movimento oscillatorio, che potrebbe arrivare fino a 20 centimetri durante il terremoto; durante l’intervento sono state consolidate le fondazioni e i pilastri e in ultimo è stato realizzato un solaio rigido sopra le fondazioni stesse.


 

Condividi

Notizie e Comunicati correlati

ven 16 dic, 2022
  La giunta ha approvato il progetto definitivo del giardino di via Toti a Oste che a primavera ....
gio 01 dic, 2022
  Sono stati sistemati 18 alberi: un filare di 13 querce è stato sistemato lungo la scalinata che ....
mer 23 nov, 2022
  Appuntamento sabato 26 novembre ore 10,30 con partenza da piazza Castello. Sosta in località ....
ven 18 nov, 2022
  È partito in questi giorni anche il piano di “rinverdimento”: nuovi alberi e cespugli ....
gio 17 nov, 2022
  I lavori interessano la via Rosselli nel tratto tra via Aldo Moro, via Sandro Pertini e via Barzano In ....
ven 04 nov, 2022
  Scritte e segni osceni avevano deturpato il giardino, già oggetto in passato di danneggiamenti Il ....
mar 25 ott, 2022
  Il Comune ha ricevuto un finanziamento regionale per la gestione e la conservazione di questi ....
ven 21 ott, 2022
  L'opera consentirà di escludere il transito di acque provenienti dalla fognatura nel torrente ....

In questa pagina