Home Page » Montemurlo comunica » Notizie dal Comune » Peter "l'inglese" ritrova l'identità dopo trent'anni e l'agente della polizia municipale è premiata dalla Regina Elisabetta

Peter "l'inglese" ritrova l'identità dopo trent'anni e l'agente della polizia municipale è premiata dalla Regina Elisabetta

Beatrice Giusti giubileo
ven 17 giu, 2022

 

Una storia che ha quasi dell'incredibile: da trent'anni Peter è un clochard che, per scelta personale, vive in una tenda nei campi sotto la Rocca, benvoluto da tutti. Poi la malattia e la necessità del ricovero in ospedale. L'agente della polizia municipale Beatrice Giusti prende a cuore il suo caso e si attiva con il Consolato inglese per dare assistenza al senzatetto “apolide” che ora vive in un' Rsa e a breve avrà anche un passaporto. L'agente Giusti e il sindaco Calamai invitati a Milano al Giubileo di platino di Sua Maestà Elisabetta come segno di riconoscenza per il salvataggio del cittadino britannico

A Montemurlo basta dire “Peter l'inglese” e tutti capiscono di chi si sta parlando. Peter è almeno un trentennio che vive in una tenda, che ha attrezzato alla ben e meglio, in un campo poco sotto la Rocca. Nessuno ricorda con esattezza quando è arrivato in città ne' tanto meno da dove, probabilmente è giunto a Montemurlo all'inizio degli anni Novanta, ma da allora, per scelta, Peter ha sempre vissuto come un clochard, rifiutando con gentilezza ogni proposta di aiuto. Persona buona e pacata, Peter in questi anni si è fatto ben volere da tutti i montemurlesi, che in vario modo lo hanno sostenuto. Un uomo gentile, garbato, educato anche se molto riservato e schivo, soprattutto nel parlare di sé. Le cose precipitano lo scorso autunno. Peter inizia ad accusare problemi di salute, le sue condizioni peggiorano rapidamente e i servizi sociali del Comune di Montemurlo con la polizia municipale intervengono per convincere Peter e farsi ricoverare. Siamo in piazza Contardi, vicino alla chiesa, è una fredda serata di novembre, ci sono il sindaco Simone Calamai, gli agenti Beatrice Giusti, Cristina Cianchi e Cosimo Cammeo, gli operatori di strada della Società della Salute e i volontari dell'ambulanza. Peter non ne vuol sentir parlare di lasciare la sua Montemurlo, di salire in ambulanza, d'altronde ha già deciso che morirà li e che avrà il suo funerale nella chiesa del Sacro Cuore. Dopo tante insistenze finalmente Peter è preso in carico dall'ambulanza e portato in ospedale Santo Stefano di Prato. Il giorno successivo al ricovero si pone il problema dell'identificazione di Peter: chi è quest'uomo sulla settantina, che non ha alcun documento con sé? Di lui si fa subito carico l'agente della polizia municipale, Beatrice Giusti, che si attiva per dare un'identità all'inglese:« Di Peter a Montemurlo si sapevano solo poche cose. Si diceva che era arrivato dalla Calabria dove lui o il padre giocavano a golf. Una persona tranquilla e dunque mai foto - segnalata dalle forze dell'ordine. - racconta Beatrice Giusti - Così mi sono messa in contatto con il consolato britannico di Milano per cercare di dare un'identità a Peter. Ho ricevuto grande collaborazione e finalmente a dicembre è arrivato un certificato di nascita che dava a Peter un cognome e una data di nascita (è del 1947). Un passaggio fondamentale per il rilascio della carta d'identità e la possibilità di avere assistenza sanitaria». Beatrice in questi ultimi mesi ha sempre continuato a seguire con attenzione le vicende di Peter, che, grazie ad una vera e propria catena di solidarietà, successivamente è stato ricoverato in un' Rsa pratese. Tanti i soggetti che si sono attivati: la Usl, i servizi sociali, il Comune di Montemurlo e di Prato, tanti cittadini e l'associazione San Vincenzo De' Paoli di Montemurlo che ha fornito a Peter vestiti e altro materiale di prima necessità. «Ciò che mi colpisce – dice l'agente Beatrice Giusti - è che Peter ha mosso tanto bene nella comunità». L'agente Giusti, comunque, non si è fermata qui ed ha attivato le procedure per il rilascio di un passaporto inglese, che arriverà a breve, e che consentirà a Peter di richiedere il permesso di lungo soggiornante, mantenendo i diritti di cittadino europeo, perché sul territorio italiano da prima del 31 dicembre 2020.

Una catena di solidarietà che non è sfuggita agli occhi attenti del governo di Sua Maestà che ha attribuito a Beatrice Giusti, tramite il Pro-Console, Marcello Marconi, un encomio - recapitato alla comandate della Polizia Municipale di Montemurlo, Enrica Cappelli- con la seguente motivazione:“La disponibilità, l'efficienza e la professionalità dell'assistente Giusti hanno permesso l'immediata attivazione della rete di supporto sanitario e consolare nonché il tempestivo miglioramento della situazione di estrema vulnerabilità in cui versava il nostro connazionale”. Parole alle quali è seguito un invito di partecipazione alla festa milanese, promossa dal Consolato inglese, per il Giubileo di platino (70 anni di regno) della Regina Elisabetta, che si è svolto ieri sera, 16 giugno, all'ippodromo di San Siro a Milano. Una festa alla quale hanno partecipato l'agente Giusti e il sindaco Simone Calamai, accolti da Catriona Graham, console generale britannico a Milano e direttore Italia del Department for International Trade. « In questi lunghi anni tutta la comunità montemurlese ha “adottato” Peter e gli ha voluto bene. - dice il sindaco Simone Calamai - Sono molto felice del riconoscimento attribuito a Beatrice Giusti dal consolato inglese, perché la continua attenzione della nostra agente ha consentito che Peter accettasse le cure, si rimettesse in forze e finalmente avesse un documento d'identità».

Difficile ricostruire la storia di Peter: i suoi ricordi si interrompono in Calabria una trentina d'anni fa, su un campo da golf, poi il vuoto. Grazie all'aiuto del consolato inglese si è scoperto che Peter è nato nel 1947 nella cittadina di Leeds, nel Sud dell'Inghilterra, da una famiglia benestante, tanto che il giovane Peter frequenta un prestigioso college che conferma come la sua educazione e gentilezza siano riconducibili a solidi studi; i genitori sono morti a Leeds tra il 1988 e il 2000. Una storia tutta da ricostruire quella di Peter, che forse nasconde dolori dai quali “l'inglese”, probabilmente, ha voluto mettere una distanza. Ciò che è certo è che Peter ama stare in Italia, la sua seconda patria, e che non ha nessuna intenzione di tornare da Sua Maestà la Regina Elisabetta.

Condividi

Notizie e Comunicati correlati

mar 02 ago, 2022
  Stamani la cerimonia d'inaugurazione nel palazzo comunale alla presenza del sindaco Simone Calamai ....
ven 29 lug, 2022
  La Comunità Energetica Rinnovabile è un raggruppamento di soggetti pubblici e privati che auto-producono ....
mar 26 lug, 2022
  Appuntamento venerdì 29 luglio ore 11 in municipio – ufficio del sindaco Si svolgerà venerdì ....
mar 19 lug, 2022
Il sindaco del Comune di Montemurlo, Simone Calamai, esprime profondo cordoglio a nome proprio e di tutta ....
lun 18 lug, 2022
  I fratelli Giovanni e Stefano Donadei continuano a scommettere e investire su Montemurlo. Già ....
ven 15 lug, 2022
  Il primo cittadino di Montemurlo si sofferma anche sul problema della riorganizzazione dei servizi ....
dom 26 giu, 2022
  Era il padre di Massimo e Federico Corrieri che recentemente hanno aperto anche l’hotel ....
mer 22 giu, 2022
  Niccolò Buti, 24 anni, ha partecipato ad un concorso indetto da un’assicurazione per i ....

Eventi correlati

Data: 22-10-2016
Luogo: Centro Giovani (piazza Don Milani, 3)
Sabato 22 ottobre 2016, ore 9.30

In questa pagina