Home Page » Montemurlo comunica » Notizie dal Comune » Montemurlo, nonostante sia un Comune virtuoso, costretto ad aumentare la Tari. Il sindaco Calamai:« Noi astenuti in assemblea Ato. Non comprendiamo del tutto le ragioni degli aumenti». Sgravi e incentivi per famiglie e imprese per far fronte a

Montemurlo, nonostante sia un Comune virtuoso, costretto ad aumentare la Tari. Il sindaco Calamai:« Noi astenuti in assemblea Ato. Non comprendiamo del tutto le ragioni degli aumenti». Sgravi e incentivi per famiglie e imprese per far fronte a

Comune di Montemurlo
ven 27 mag, 2022

 

Previsto un aumento delle tariffe Tari del 5% per le utenze domestiche e del 9% del non domestico. Per Calamai è importante investire e arrivare al più presto alla realizzazione di impianti e di soluzioni tecnologiche che consentano di poter avere costi di smaltimento ridotti. Un bando da 90 mila euro, promosso dal Comune, servirà per attutire l'impatto sulle famiglie più fragili

Il Comune di Montemurlo nella seduta di lunedì 30 maggio si appresta ad approvare il piano tariffario Tari, la tassa sui rifiuti, per l'anno 2022. Un atto che arriva a seguito dell'approvazione del Piano economico e finanziario (Pef) a livello di ambito di Ato Toscana Centro lo scorso lunedì 23 maggio, che come conseguenza porta ad un incremento tariffario per gli utenti domestici pari al 5% e per quelli non domestici (attività e imprese) del 9%. Aumenti direttamente derivanti dal Pef di Ato, che hanno suscitato non poche perplessità nell'amministrazione comunale di Montemurlo, che si è astenuta al momento del voto in assemblea dei soci. Il sindaco Simone Calamai si è subito mosso per ridurre al minimo l'impatto su imprese e famiglie: «Montemurlo riesce a contenere gli aumenti in un limite non eccessivamente impattante, grazie al buon contesto del servizio di igiene urbana nel quale si trova ad operare. - spiega il sindaco Simone Calamai – Nonostante l'applicazione degli incrementi previsti dal Piano d'Ambito, se gli aumenti avranno tutto sommato degli effetti contenuti rispetto ad altre realtà, lo dobbiamo al fatto che le tariffe Tari a Montemurlo beneficiano di un effetto di trascinamento positivo per i buoni risultati ottenuti in questi anni, basti pensare che la raccolta differenziata a Montemurlo ha sfiorato nel 2021 l'80%. Inoltre, non dobbiamo dimenticare che le tariffe a Montemurlo sono ferme ai livelli del 2008». Il Comune di Montemurlo ha dunque espresso la propria contrarietà agli incrementi nella riunione di ambito di Ato Toscana Centro di lunedì scorso, come spiega l'assessore all'ambiente Alberto Vignoli Al momento del voto ci siamo astenuti perché abbiamo molte perplessità circa gli aumenti tariffari che ci sono stati imposti. A parer nostro, infatti, non sono state completamente espresse le motivazioni che hanno portato a questo aumento di costi per il nostro Comune». Pur comprendendo che l'aumento è per buona parte dovuto all'incremento dei costi di smaltimento dei rifiuti «agiremo con forza nei confronti della Regione, di Ato e del gestore Alia Servizi Ambientali, affinché si possa addivenire nel più breve tempo possibile alla realizzazione di impianti e di soluzioni tecnologiche che consentano di poter avere costi di smaltimento ridotti rispetto a quelli che oggi noi subiamo sulla base di gestori terzi,che sono esterni al nostro territorio- continua il sindaco Calamai- Il problema è che oggi mancano impianti di smaltimento e quindi siamo costretti a spostare e smaltire i nostri rifiuti della nostra Area Ato in altre zona d'Italia. Questa è indubbiamente la causa principale di questi incrementi che stanno riguardando tutti i Comuni dell'ambito».

BENEFICI ECONOMICI PREVISTI DAL COMUNE PER MITIGARE GLI AUMENTI- Il Comune di Montemurlo per venire incontro a famiglie ed imprese ha già messo in campo una serie di azioni che consentiranno di mitigare gli effetti degli aumenti tariffari. Le attività produttive, a seguito delle modifiche al regolamento Tari approvato nel 2021 (come previsto dal decreto legge 110/2020), potranno beneficiare di riduzioni tariffarie sulla base dei rifiuti smaltiti in modo differenziato. Per alcune tipologie di rifiuto differenziato (ad esempio, carta e cartone, imballaggi in plastica) è previsto, infatti, un meccanismo di premialità che riconosce uno sconto fino al 100% della quota variabile della tariffa, proporzionato al quantitativo di queste tipologie di rifiuto prodottoPensiamo che, attraverso questo tipo di soluzione, si possa attutire l'impatto degli aumenti della Tari sulle imprese- dicono Calamai e Vignoli- che si vedranno riconosciuto concretamento l'impegno nel portare avanti la raccolta differenziata a tutela dell'ambiente e del risparmio di risorse». Questo strumento di premialità è a disposizione di tutte le attività produttive del territorio. Sul fronte delle famiglie, invece, il Comune di Montemurlo pubblicherà a breve uno specifico bando, grazie ad uno stanziamento di 90mila euro, per attutire gli effetti degli aumenti Tari:«Pensiamo soprattutto alle famiglie più fragili dal punto di vista economico per le quali anche piccoli aumenti in bolletta possono creare serie difficoltà», continua il sindaco che ribadisce l'impegno sul fronte della lotta all'evasione dei tributi Tari.Il Comune di Montemurlo attraverso il progetto Equità, del quale è entrato da poche settimane a far parte anche Alia, punterà a rafforzare le azioni per il recupero del non – riscosso con controlli settimanali nelle aziende per garantire un'equa distribuzione dei costi . Inoltre, per il 2022 a Montemurlo sono confermate tutte le agevolazioni a carattere ambientale e sociale (legate all'Isee) già applicate in passato.

Agevolazioni tariffarie Tra le varie riduzioni previste sia di tipo economico che ambientale, le famiglie che utilizzano correttamente il composter per il conferimento dei rifiuti deperibili (scarti di cibo, bucce, puliture di verdure ecc..) avranno diritto ad una riduzione del 10% sulla parte variabile della Tari.

Confermate anche le agevolazioni per chi conferisce al centro di raccolta i rifiuti non trattati dal porta a porta (come ingombranti, RAEE domestici, sfalci di potature, olio alimentare ecc…). In questo caso sarà riconosciuta, limitatamente alla parte variabile, una riduzione massima del 30%. Agevolazioni anche per le aziende – fino ad un massimo del 30% - da concedere sulla parte variabile della tariffa a scaglioni in base al raggiungimento di una determinata percentuale di rifiuti avviati alla raccolta differenziata, sia tramite il gestore del servizio pubblico, sia tramite ditte private, debitamente autorizzate, rispetto alla quantità di rifiuti prodotti.

Inoltre, le aziende che aderiscono al sistema di raccolta delle merci deperibili ( per l'adesione al sistema di raccolta differenziata svolto dal gestore o per avvio a riciclo dei rifiuti tramite terzi debitamente autorizzati) verrà concessa una riduzione nella misura del 30% limitatamente alla parte variabile della tariffa.

Benefici anche per le attività commerciali, industriali, professionali e produttive in genere, che producono o distribuiscono beni alimentari, e che a titolo gratuito li cedono, direttamente o indirettamente, agli indigenti, alle persone in condizioni di bisogno o per l'alimentazione animale. In questo caso il Comune ha previsto una riduzione della parte variabile della tariffa in relazione alla quantità, debitamente certificata, dei beni e dei prodotti ritirati dalla vendita e oggetto di donazione. La riduzione, applicata sulla parte variabile della tariffa, è concessa nella misura del 2%, al raggiungimento del 70 % di quantità di beni alimentari ceduti a titolo gratuito rispetto alla quantità di rifiuti prodotti.

Attenzione anche per le famiglie indigenti o con persone fragili. Sono esentati dal pagamento della Tari (quota variabile) i nuclei familiari con reddito Isee pari o inferiore 7 mila euro, mentre per chi ha un Isee da 7 mila a 9 mila euro avrà diritto ad un'esenzione parziale della quota variabile della tariffa. Sconti anche per i nuclei composti da un'unica persona o per le famiglie di cui fa parte un handicap grave o un invalido civile superiore al 75 %. In questo caso per un'abitazione fino a 120 metri quadri di superficie la riduzione sarà pari al 60%.

Condividi

Notizie e Comunicati correlati

gio 04 ago, 2022
  Il teatro della Sala Banti era gremito. Imprenditori, famiglie, categorie economiche e sindacali ....
mar 02 ago, 2022
  L'appuntamento è per domani, mercoledì 3 agosto, ore 18 nel teatro della Sala Banti (piazza della ....
mar 02 ago, 2022
  Stamani la cerimonia d'inaugurazione nel palazzo comunale alla presenza del sindaco Simone Calamai ....
ven 29 lug, 2022
  La Comunità Energetica Rinnovabile è un raggruppamento di soggetti pubblici e privati che auto-producono ....
ven 29 lug, 2022
                                                                                                                                              ....
mar 26 lug, 2022
  Per presentare domanda occorre aver compiuto 60 anni. Per aderire c'è tempo fino al 10 agosto Il ....
mar 26 lug, 2022
  Appuntamento venerdì 29 luglio ore 11 in municipio – ufficio del sindaco Si svolgerà venerdì ....
lun 25 lug, 2022
  Le associazioni sportive interessate hanno tempo fino al prossimo 22 agosto per presentare domanda Il ....

Eventi correlati

Data: 04-06-2017
Luogo: Piazza Don Milani
Data: 28-05-2017
Luogo: Piazza Don Milani
Data: 21-05-2017
Luogo: Centro visite Area Protetta, Bagnolo
Data: 07-05-2017
Luogo: Piazza Castello, Rocca di Montemurlo
Data: 23-04-2017
Luogo: Piazza Don Milani
Data: 09-04-2017
Luogo: Piazza Don Milani

In questa pagina