Home Page » Montemurlo comunica » Notizie dal Comune » "Caro-energia", il sindaco Calamai scrive al presidente Mario Draghi: « Così il distretto rischia di chiudere»

"Caro-energia", il sindaco Calamai scrive al presidente Mario Draghi: « Così il distretto rischia di chiudere»

SINDACO CALAMAI
mar 15 mar, 2022

 

Il sindaco Calamai rappresenta al capo del Governo la sofferenza della filiera tessile (soprattutto tintorie, rifinizioni e finissaggi). Costi, nel caso del gas, anche quintuplicati rispetto al 2021: « Vanno trovate soluzioni immediate. Non si tratta di "stringere la cinghia", ma veder chiudere definitivamente imprese che ogni anno fanno milioni di fatturato e che danno occupazione a migliaia di persone»

Il sindaco del Comune di Montemurlo, Simone Calamai, ha scritto al presidente del Consiglio, Mario Draghi, per rappresentare le difficoltà del distretto manifatturiero di Montemurlo che, dopo i due difficili anni della pandemia, ora si deve confrontare con gli insostenibili rincari energetici.

Una lettera aperta che - come scrive Calamai: «vuole dar voce al grido di dolore delle nostre aziende paradossalmente costrette a breve, nonostante gli ingenti ordinativi, a rimanere ferme, perché ormai impossibilitate a far fronte ai rincari delle bollette di gas ed energia elettrica».

A risentire in maniera pesante di questa situazione sono soprattutto le aziende “energivore” come tintorie, rifinizioni e finissaggi, tasselli fondamentali per la sopravvivenza della filiera tessile stessa. «A fronte di questi rincari, molti imprenditori mi dicono che hanno intenzione di chiudere la loro attività e cessare la produzione con un danno enorme, non solo per l'esistenza stessa delle aziende, ma con una ricaduta drammatica su tutta la filiera del tessile-manifatturiero. Se non interveniamo subito rischiamo di mettere in ginocchio un intero comparto e la sua presenza sui mercati internazionali». Il sindaco Calamai esorta dunque Draghi:«ad agire con ancora più incisività per trovare soluzioni immediate che consentano alle nostre aziende di continuare a lavorare. Qui non si tratta di "stringere la cinghia", ma di rischiare di far chiudere definitivamente imprese che ogni anno fanno milioni di fatturato e che danno occupazione a migliaia di persone». La tenuta sociale e occupazionale è un fattore che preoccupa molto il sindaco di Montemurlo che nel suo distretto produttivo vanta oltre 3500 aziende d'eccellenza, tra le quali i grandi nomi del tessile che rappresentano sui mercati internazionali il “Made in Italy” del settore moda:« Chiudere significherebbe disperdere competenze imprenditoriali e capacità professionali, costruite e tramandate di generazione in generazione, senza contare il conseguente rischio sociale derivante dalla la perdita occupazionale».Un vero e proprio grido di dolore e preoccupazione:« Lavoriamo a delle soluzioni immediate e condivise che possano consentire alle imprese del manifatturiero di andare avanti e di non chiudere: ne va del futuro di tutti noi».

Condividi

Notizie e Comunicati correlati

mar 02 ago, 2022
  Stamani la cerimonia d'inaugurazione nel palazzo comunale alla presenza del sindaco Simone Calamai ....
ven 29 lug, 2022
  La Comunità Energetica Rinnovabile è un raggruppamento di soggetti pubblici e privati che auto-producono ....
mar 26 lug, 2022
  Appuntamento venerdì 29 luglio ore 11 in municipio – ufficio del sindaco Si svolgerà venerdì ....
mar 19 lug, 2022
Il sindaco del Comune di Montemurlo, Simone Calamai, esprime profondo cordoglio a nome proprio e di tutta ....
lun 18 lug, 2022
  I fratelli Giovanni e Stefano Donadei continuano a scommettere e investire su Montemurlo. Già ....
ven 15 lug, 2022
  Il primo cittadino di Montemurlo si sofferma anche sul problema della riorganizzazione dei servizi ....
dom 26 giu, 2022
  Era il padre di Massimo e Federico Corrieri che recentemente hanno aperto anche l’hotel ....
mer 22 giu, 2022
  Niccolò Buti, 24 anni, ha partecipato ad un concorso indetto da un’assicurazione per i ....

In questa pagina