Home Page » Montemurlo comunica » Notizie dal Comune » Festa della Liberazione di Montemurlo, le parole della Resistenza affidate alla responsabile del Distretto sanitario di Montemurlo

Festa della Liberazione di Montemurlo, le parole della Resistenza affidate alla responsabile del Distretto sanitario di Montemurlo

Comune di Montemurlo
ven 11 set, 2020

 

Dopo il discorso ufficiale, il sindaco Calamai ha affidato a Letizia Lazzerini del Distretto Usl di via Milano la lettura di un brano sulla resistenza a Montemurlo legato però alla sanità, di quando l'ospedale di Prato fu trasferito a Villa di Galceto

Questa mattina, 11 settembre, al monumento ai caduti di piazza Donatori di sangue, si è svolta la cerimonia ufficiale di commemorazione del 76esimo anniversario della festa di Liberazione di Montemurlo dal nazi-fascismo. Una commemorazione particolare, segnata dall'emergenza Coronavirus, come ha ricordato il sindaco Simone Calamai nel suo discorso:« Le vite umane perdute e le tante vite umane salvate sono il nostro lessico quotidiano di questo anno tragico segnato dal Covid, non possiamo mai dimenticarlo. Una morte che non si vede, oggi come 76 anni fa, è come se non ci fosse, ecco perché è importante far tesoro delle storie, ricordare le vite di chi ha combattuto per la nostra Libertà e di chi oggi è morto a causa del virus.- ed ha poi proseguito- Il Covid, come la lotta di Liberazione, ci ha lasciato tante ferite, ma non può passare invano, ci deve insegnare ad essere uomini migliori e a costruire un Paese migliore». Quest'anno il sindaco Calamai ha voluto affidare la commemorazione della lotta di resistenza e liberazione sul territorio a Letizia Lazzerini, infermiera e responsabile del distretto socio-sanitario di Montemurlo, una delle tante prime linee di questa emergenza sanitaria. Letizia Lazzerini ha letto la testimonianza di Ardelia Papi classe 1924 (scomparsa lo scorso anno) raccolta dalla Fondazione Cdse. Un brano che racconta del trasferimento nel 1943 dell'ospedale di Prato a Bagnolo a Villa di Galceto, dove trovarono assistenza non solo i malati ma anche rifugio gli uomini, che volevano sfuggire ai rastellamenti e le giovinette insidiate dai soldati tedeschi. Uno dei passaggi più significativi e attuali riguarda le malattie, che oggi come allora facevano molta paura: «Poco prima del passaggio del fronte, all’ospedale avevano levato la chirurgia e avevano lasciato tutti i reparti per i malati di polmoni. Perché i tedeschi avevano paura delle malattie polmonari e non entravano dove sapevano che c’erano. Allora all’ospedale avevano fatto tutte cartelle false e nascondevano i giovani del 23, 24, 25 che così non venivano rastrellati e presi dai tedeschi che si tenevano alla larga da quei reparti». Alla cerimonia della festa di liberazione di Montemurlo erano presenti le associazioni del Comune di Montemurlo, il tenente Quintino Rocco Preite e il distaccamento dei Vigili del Fuoco.


 

Condividi

Notizie e Comunicati correlati

lun 09 nov, 2020
  Il Dae della Tessitura Italia è censito dalla Regione e in caso di bisogno il 118 può segnalare ....
dom 08 nov, 2020
  Il sindaco Simone Calamai informa che oggi sono scomparsi a causa del Covid-19 Aldo Micheli ....
lun 02 nov, 2020
  Il sindaco Simone Calamai, vista la situazione emergenziale in atto, ha deciso di annullare la ....
gio 29 ott, 2020
  Dopo trent'anni di lavoro nella pubblica amministrazione e dieci in fabbrica, dallo scorso 30 ....
gio 29 ott, 2020
  Dopo la lettera scritta nei giorni scorsi, il sindaco torna a sollecitare con forza al rispetto ....
lun 26 ott, 2020
  Vista la crescita del virus di questi ultimi giorni il sindaco richiama l'attenzione dei centri ....
lun 26 ott, 2020
  Christian Musotto ha voluto festeggiare così il suo compleanno, con un pensiero per la comunità. ....
gio 22 ott, 2020
  Stamattina, nel rispetto delle norme anti- Covid, inaugurate tre panchine per affermare altrettanti ....

Eventi correlati

Data: 05-04-2017
Luogo: Teatro Sala Banti
Dal 01-04-2016
al 01-03-2016
Luogo: Salone Parrocchiale di Oste - Piazza Amendola ore 21.00
Data: 31-03-2016
Luogo: Circolo G. Gelli - Bagnolo ore 21.00
Data: 23-03-2016
Luogo: Centro giovani Piazza Don Milani ore 21.00

In questa pagina