Comune di Montemurlo

"Le Scapate, donne oltre le ferite", le opere dell'avvocatessa Santanni restituiscono la speranza dopo la malattia

Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Comune di Montemurlo
Comune di Montemurlo
Notizie dal Comune
Icona freccia bianca
Home Page » Montemurlo comunica » Notizie dal Comune » "Le Scapate, donne oltre le ferite", le opere dell'avvocatessa Santanni restituiscono la speranza dopo la malattia
"Le Scapate, donne oltre le ferite", le opere dell'avvocatessa Santanni restituiscono la speranza dopo la malattia
scapate
01-03-2019


La rassegna “La rosa di Gerico” dedica il mese di marzo al coraggio delle donne che hanno superato la malattia e le ferite attraverso la mostra d'arte e fotografia “Le Scapate” che racconta l'esperienza dell'avvocato - artista montemurlese Eleonora Santanni. Le opere raccontano una “Venere contemporanea”, che mette in mostra le proprie cicatrici come medaglie al valore, simbolo della vittoriosa lotta per la vita, per l'amore e la bellezza.

Ancora una volta a Montemurlo marzo è il mese delle donne. Sono numerose le iniziative promosse dall'assessorato alle pari opportunità del Comune di Montemurlo e inserite nella rassegna “La rosa di Gerico” per parlare dell'universo al femminile, di ferite e di rinascite, di disperazione e di coraggio, di donne che non si sono arrese a una condizione di sofferenza.
Il primo evento dedicato a questo tema è la mostra di arte e fotografia “ Le Scapate”, che si apre alla galleria della Sala Banti (piazza della Libertà- Montemurlo) oggi, venerdì 1 marzo, e che sarà inaugurata ufficialmente domenica 3 marzo ore 17 con l'evento di teatro – danza “Juke Box all'idrogeno. Sguardi di donne oltre la guerra” a cura dell'associazione Natya Gioia.
“Le Scapate” è un progetto nato nel 2015 dall’idea dell’artista - avvocato montemurlese Eleonora Santanni con la collaborazione della fotografa Serena Gallorini, che, partendo dal vissuto doloroso della stessa artista, racconta il corpo della donna segnato da eventi traumatici e dalla malattia, come può essere un intervento al seno. Goffo e con movenze sgraziate, il corpo della donna rappresentato nei lavori della Santanni e della Gallorini è una sorta di “Venere contemporanea”, che mette in mostra le proprie cicatrici come medaglie al valore, simbolo della vittoriosa lotta per la vita, per l'amore e la bellezza.
« Quello della Santanni è un progetto coraggioso che l'assessorato alle pari opportunità ha accolto volentieri all'interno della rassegna la “Rosa di Gerico”, per mandare un messaggio di incoraggiamento e di sostegno a tutte quelle donne che stanno affrontando un percorso doloroso di malattia - spiega l'assessore alle pari opportunità, Luciana Gori - Eleonora Santanni, attraverso il suo lavoro, ci restituisce l'accettazione di un corpo ferito dalla malattia, dagli interventi chirurgici, che riesce a mostrarsi aldilà degli stereotipi e mostrare tutta la sua bellezza e la sua forza».
«In un contesto sociale, culturale e artistico che rifiuta o sospende spesso la trattazione di questo tema, Le scapate, tramite il linguaggio dell’arte, restituisce un'immagine corporea alle donne che hanno affrontato malattie, lesioni e mutilazioni, che quotidianamente si confrontano con la ricostruzione della propria “immagine corporea”, combattendo angosce e fragilità, per recuperare l’autostima e una rinnovata immagine di sé», spiega Eleonora Santanni.
Le Scapate accoglie bozzetti di carta, opere pittoriche e materiche, piccole sculture in carta pesta e installazioni, in un unico universo narrativo: la “fuga gioiosa” dall'obbligo sociale di definizione della propria immagine attraverso i canoni imposti, una vera e propria “catarsi rigenerativa” simboleggiata dal corpo femminile privo di testa.
Le scapate, per definizione persone senza senno e senza giudizio, sventate, svagate e persino troppo allegre, nell'opera della Santanni, sono eroine positive che esortano tutte le donne all’abbandono della paura e dei modelli estetici ideali, alla cancellazione delle costruzioni sociali e dei simulacri estetici, per riconquistare il proprio corpo e la propria femminilità in maniera completamente istintiva e libera.
Alcune delle opere del progetto Le Scapate sono state esposte ad Expo Bologna 2018 nella Galleria Wikiarte, alla BIAS 2018 di Palermo ed presso la Galleria BCM di Barcellona in “Sensaciones”. Il progetto è curato da Elisabetta Rizzuto.

Notizie e Comunicati correlati

ven 15 mar, 2019
La mostra sarà inaugurata domenica 17 marzo ore 17 alla Sala Banti e rimarrà visitabile ....
mer 20 feb, 2019
Gli ospiti del centro diurno per disabili di Montemurlo, in collaborazione con la compagnia teatrale ....
lun 04 feb, 2019
Sabato 9 febbraio ore 21 alla Sala Banti arriva lo spettacolo scritto e diretto da Sergio Brachi, noto ....
mer 21 nov, 2018
Domenica 25 novembre ore 21,30 al teatro della Sala Banti lo spettacolo “Ricordo di un dolore. ....
mar 20 nov, 2018
Appuntamento domani, mercoledì 21 novembre, ore 12 in municipio con l'assessore alle pari opportunità ....
gio 04 ott, 2018
Il consiglio comunale ha approvato un ordine del giorno per dire no alla denominazione di una Fondazione ....
ven 20 apr, 2018
Il Comune di Montemurlo fa parte del progetto, finanziato dalla Ue, che attraverso la formazione di ....
gio 22 mar, 2018
L'appuntamento è per sabato 24 marzo ore 10.30 alla Sala Banti con la restituzione dei risultati ....

Eventi correlati

Data: 15-07-2017
Luogo: Casale Fonte di Albiano
Data: 29-06-2017
Luogo: Centro culturale La Gualchiera, via Carbonizzo 9
Data: 17-06-2017
Luogo: Sala Banti
Data: 07-06-2017
Luogo: Centro Giovani
Data: 27-05-2017
Luogo: Sala Banti
Data: 14-05-2017
Luogo: Centro Sportivo P. Nesti, Bagnolo

In questa pagina

Condividi questo contenuto

- Inizio della pagina -

Comune di Montemurlo - via Montalese, 472/474 - 59013 Montemurlo (PO) - Telefono 0574 5581 - Fax 0574682363
P.IVA 00238960975 - Codice Fiscale 00584640486 - Codice catastale F572 - Codice ISTAT 100003 - PEC comune.montemurlo@postacert.toscana.it

Il sito Istituzionale del Comune di Montemurlo è un progetto realizzato da ISWEB S.p.A. con la soluzione eCOMUNE

Rete Civica Po-net

Il progetto Comune di Montemurlo è sviluppato con il CMS ISWEB® di ISWEB Srl www.internetsoluzioni.it