Home Page » Montemurlo comunica » Notizie dal Comune » Festa dell'Olio 2016, oltre 3mila persone al "gran finale"

Festa dell'Olio 2016, oltre 3mila persone al "gran finale"

Comune di Montemurlo
lun 21 nov, 2016


Cronaca di un successo annunciato: tutto esaurito agli eventi in programma. Ieri alla Rocca di Montemurlo tantissime persone da tutta la Toscana, e non solo, per mangiare la “fettunta”. Il ricavato della festa sarà destinato al restauro del Croce di Montemurlo

La Festa dell’Olio 2016, giunta quest’anno alla 22esima edizione, conferma la validità di una formula che abbina la valorizzazione dell’olio extra-vergine d’oliva alla scoperta del territorio e delle sue ricchezze. Ieri, domenica 20 novembre, sono state oltre 3mila le persone che hanno affollato il borgo della Rocca, attratte non solo dalla possibilità di degustare l’olio nuovo, ma anche di vivere una giornata diversa tra eno-gastronomia, storia, arte e folklore. Sono arrivati davvero in tanti a Montemurlo da tutta la Toscana, ma anche da fuori regione, tanto che i bus navetta, messi a disposizione delle associazioni di volontariato, hanno avuto un bel daffare per accompagnare i visitatori da piazza Costituzione al borgo della Rocca. Il maltempo di sabato scorso aveva fatto temere gli organizzatori per la buona riuscita del “gran finale”, ma un tiepido sole autunnale ha “benedetto” l’ultima giornata di festa, quella più attesa e partecipata. Grande la soddisfazione del Comitato Festa dell’olio, che riunisce oltre cinquanta associazioni del territorio, e del Comune di Montemurlo, che ogni anno vedono crescere un evento che racchiude in sé molto più della valorizzazione dell’olio extra vergine d’oliva:« Il segreto di questa festa sono innanzitutto le persone che lavorano alla sua organizzazione- sottolinea il sindaco, Mauro Lorenzini – L’olio è il filo verde che riesce a legare la tradizione agricola, la valorizzazione dei prodotti d’eccellenza della nostra collina, la promozione dei tesori racchiusi in questo piccolo borgo, un vero scrigno di bellezza e arte». Anche quest’anno, infatti, tutti i fondi raccolti grazie alla vendita dei biglietti per entrare alla festa dell’olio e dalla vendita del libro “Istorie montemurlesi” di Valerio Palandri andranno ad un nuovo progetto di recupero di un gioiello conservato nel borgo: la Croce “miracolosa” di Montemurlo, la croce astile in argento conservata nella Pieve di San Giovanni Decollato alla Rocca. Dopo aver provveduto al restauro dell’antica pieve, del campanile, dell’oratorio del Corpus Domini e degli affreschi conservati nel complesso religioso, il Comitato Festa dell’Olio, in accordo con il Comune, ora vuole provvedere al restauro di questo oggetto di culto, a cui i montemurlesi sono particolarmente devoti e affezionati. Daniele Piacenti seguirà il restauro, intanto Alessandro Franchi, presidente del Comitato Festa dell’Olio, proprio durante la cerimonia di chiusura della 22esima festa dell’olio, a cui sono seguiti i fuochi d’artificio, ha annunciato che il restauro della Croce ha trovato un “benefattore” che metterà a disposizione i fondi necessari per il recupero della preziosa opera d’arte: « Devo ringraziare le oltre cinquanta associazioni che hanno collaborato alla buona riuscita della festa. Siamo davvero molto soddisfatti perché tutte le iniziative di questi dieci giorni di “festa dell’olio” hanno registrato il tutto esaurito». Proprio giovedì scorso a M;ontemurlo si è svolta la seconda edizione del concorso dell’olio della collina montemurlese che ha incoronato vincitore Felice Curcetti con l’olio della Rocca. Un annata buona per l’olio extra-vergine d’oliva che ha fatto registrare un’ottima qualità anche in quantità inferiore agli anni passati: « Abbiamo aperto questa 22esima edizione parlando dell’olio di qualità e dei rischi che corre l’olio toscano. L’interesse delle persone per questo prodotto d’eccellenza, non solo buono a tavola ma soprattutto buono per la salute, è la migliore “arma” per combattere truffe e contraffazioni dell’olio. – conclude l’assessore alla promozione del territorio, Giuseppe Forastiero- Bisogna saper scegliere l’olio di qualità e preferire l’olio della nostra collina. Questa festa è come sempre l’occasione per promuovere l’olio extra vergine d’oliva e per far conoscere il nostro territorio»

Condividi

Notizie e Comunicati correlati

gio 10 set, 2020
  L'iniziativa Ŕ promossa dal Comune con la Scuola di potatura dell'olivo. Obbligatoria la prenotazione Montemurlo ....
gio 06 ago, 2020
  Una nicchia nella nicchia: la Mortadella di Prato, giÓ presidio Slowfood, Ŕ stata prodotta con ....
mar 04 ago, 2020
  Appuntamento giovedý 6 agosto ore 12 al podere Il Poggiolino (localitÓ Cicignano – Montemurlo). ....
mer 15 lug, 2020
  Tema della serata “Men¨ rustico in tempi comici con intervalli buffi”. I piatti saranno ....
mer 08 lug, 2020
Oggi nel giardino di Villa Pazzi al Parugiano la prima fiera filati post - Covid a livello internazionale Con ....
ven 19 giu, 2020
Il famoso locale di piazza San Francesco ha aperto una “succursale” nell’ex sede della ....
gio 28 mag, 2020
Suolo pubblico gratuito per allestire strutture temporanee di ristorazione e rispettare cosý le norme ....
mer 27 mag, 2020
Con Delibera di Giunta n. 84 del 25 maggio 2020, Ŕ stata approvata la Disciplina speciale e transitoria ....

Eventi correlati

Dal 10-07-2020
al 12-07-2020
Luogo: zona adiacente al Lago di Rocca di Montemurlo
AGRI BEER FEST 2020
Data: 24-09-2017
Luogo: Piazza della Costituzione
Data: 24-09-2017
Luogo: Montemurlo
Data: 24-09-2017
Luogo: Circolo G.Gelli
Dal 22-09-2017
al 24-09-2017
Luogo: Montemurlo
Data: 11-09-2017
Luogo: Montemurlo

Immagini correlate

In questa pagina